Ii Borgo di TIZZANA

Su una sommità nord-orientale del Montalbano è arroccato il borgo medioevale di Tizzana, il cui castello è menzionato dal 1034. All'inizio del XIII secolo Tizzana si era costituita comune sotto Pistoia, di cui ne seguì le sorti. Nel 1329 il fortilizio venne concesso dai pistoiesi come garanzia di pace a Firenze, che lo restituiva nel 1332. Successivamente, nella prima metà del XIV secolo Tizzana, passò come Pistoia sotto l'egemonia della città gigliata. Quale munitissimo fortilizio, era costituito da una torre di guardia, oggi trasformata e utilizzata come torre campanaria della pieve di San Bartolomeo. Rimane del castello solo l’arco d’ingresso, uno degli attuali ingressi alla piazza del borgo. Di fianco si trova il palazzo podestarile e vicino a questo c’è la cappella di San Bartolomeo, originariamente in stile romanico, e che oggi si presenta totalmente ristrutturata da un intervento Sei-Settecentesco. Dal Cinquecento in poi, per le mutate condizioni politico-sociali, Tizzana veniva a perdere la sua importanza strategico-militare, anche se durante il periodo granducale rimase capoluogo di una podesteria comprendente anche Quarrata.

Iscriviti alla nostra mailing List. Non perdere mai un aggiornamento

Accetto l'informativa sulla privacy
  • twitter
  • facebook
  • w-youtube